Spedizione Gratuita su tutti gli ordini. Resi estesi fino al 31 gennaio 2021

close
Store Locator
MATILDE, LA DONNA CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

MATILDE, LA DONNA CHE SUSSURRAVA AI CAVALLI

Forse la conoscete come la discendente di una famosa famiglia aristocratica, ma Matilde Borromeo, l’ambasciatrice di Pomellato, è molto più di questo. Nota per essere una delle più celebri cavallerizze e allevatrici di cavalli d’Italia, la principessa, fieramente indipendente, ha una bellezza bionda che pare uscita dall’unione di un dipinto rinascimentale con un preraffaellita.
Amazzone dei giorni nostri, Matilde è madre, imprenditrice

Amazzone dei giorni nostri, Matilde è madre, imprenditrice, appassionata di equitazione e rappresenta uno dei nomi più influenti ed emblematici della storia milanese. Nata a Milano e cresciuta tra città e campagna, ha studiato scienze agrarie e veterinarie all’Università degli Studi di Milano. Dopo la laurea, si è trasferita per un periodo a New York. “Ma mi sono resa conto che per me la vita in città era troppo piena di distrazioni e insoddisfacente: per essere felice avevo bisogno dell’odore dell’erba tagliata di fresco, del fango sugli stivali e del contatto quotidiano con gli animali “, spiega. Ed è proprio questa consapevolezza che l’ha spinta a intraprendere una professione con gli animali. Uno dei suoi primi ricordi d’infanzia è la cavalcata sul dorso di un grande cavallo nero, sicura e felice tra le braccia del padre, circondata dai campi e dalla natura.

Ammette però che è la sua vena competitiva ad averla portata

Ammette però che è la sua vena competitiva ad averla portata verso le corse ippiche indipendenti e l’allevamento di cavalli: “Il tempo dimostra concretamente che la corsa definisce il tuo risultato, agisce come conseguenza di un percorso durato anni, ma che si evolve di giorno in giorno”. Dalla cura dei figli in città, ai pluripremiati cavalli in campagna, alle incessanti apparizioni pubbliche di un rampollo di Casa Borromeo, storico nome nobiliare che risale a secoli addietro, come riesce Matilde a trovare un equilibrio tra lavoro, famiglia e vita sociale? “L’equilibrio è difficile per tutti. Finalmente ne ho trovato uno che è logisticamente faticoso, ma mi dà grande soddisfazione. Quindi mi considero molto fortunata”, assicura. Le scelte di Matilde, costantemente in movimento, nel campo della moda devono anche trovare un equilibrio funzionale per adattarsi alle attività quotidiane, agli eventi sociali e alle gare. Lavorare con i cavalli ha certamente una grande influenza sul suo guardaroba: si ritrova spesso in pantaloni aderenti e polo classiche, chic ma sempre pronta a salire in sella.

Matilde ci racconta il suo lato divertente amante del colore

Matilde ci racconta il suo lato divertente amante del colore: spesso compone strati con una stampa eccentrica o un capo fantasia su uno stile classico. Ma è con i gioielli che si può infondere in un look una dose quotidiana di personalità e di estro. Matilde dice di amare, “indossare gioielli che possano adattarsi alla mia vita quotidiana ma anche conciliarsi con la mia vita più mondana”. I suoi gioielli preferiti: collane di tre diverse lunghezze, anelli diversi per le mani, o semplicemente un bracciale speciale. Per questo Pomellato l’ha scelta come ambasciatrice per rappresentare la sua nuova collezione Fantina, con gioielli di ispirazione equestre, dal design elegante. Con le sue curve dinamiche e originali, Fantina è audace ma non invadente, sobria ma anche estremamente femminile. L’eleganza di Fantina è perfetta, per una giornata a cavallo in campagna, poi via per una sfilata di moda e poi una cena fuori a New York.